La cura di tutte le malattie

Tempo stimato di lettura: 3 minuti

NoMore Pills by Michele Cimini on 500px.com

Esiste veramente una cura per tutte le malattie? La domanda è ovviamente provocatoria. In questo articolo però, vi presenterò una serie di studi scientifici in cui si evidenzia che l’attività fisica non sarà la cura di tutte le malattie, ma certamente è una componente importante e necessaria per favorire e mantenere un buono stato di salute.

Esercizio fisico. “Non c’è un organo del corpo umano che non ne tragga benefici”. (Erik Richter)

Studio #1

L’American College of sports medicine di Indianapolis ha condotto un’analisi dell’ultimo decennio sugli statunitensi che hanno seguito le linee guida del governo sull’attività fisica: eseguire due ore e mezza la settimana di attività aerobica moderata (come la camminata veloce, ballo di sala e giardinaggio), oppure un’ora e un quarto di attività più intense (come ciclismo, la corsa e il nuoto):
Lo studio ha evidenziato quanto segue:

  • una riduzione del 40% del rischio di morte per infarto.
  • una riduzione della metà sul rischio di tumore al seno nelle donne e di circa il 60% quello di tumore all’intestino.

Studio #2

Secondo uno studio di Beth Levine, che lavora al South Western Medical Center di Dallas, l’esercizio stimola le cellule a bruciare tutti gli scarti inutili, come il DNA difettoso o mutato che rimanendo in circolo potrebbe scatenare un tumore.
Recentemente Levine ha scoperto lo stesso processo nelle cellule cerebrali.

Studio #3

Una équipe coordinata da Art Kramer dell’Università dell’Illinois, ha dimostrato che l’attività fisica fa aumentare del 2% il volume dell’ippocampo.
Questo aumento di volume è in grado di compensare circa due anni di peggioramento della memoria dovuto all’invecchiamento grazie a una maggiore produzione del livello di una sostanza chiamata fattore neurotrofico di derivazione cerebrale.

Studio #4

Chi Pang Wen, ricercatore dell’istituto taiwanese di ricerca sulla salute ha condotto uno studio su 430.000 taiwanesi.
Il risultato ottenuto è che l’esercizio fisico stimola la circolazione, elimina i depositi di grasso dalle pareti dei vasi sanguigni e dilata i vasi più piccoli. In aggiunta altera la struttura dei trigliceridi nel flusso sanguigno, permettendo agli enzimi di eliminarli prima che possano provocare danni.
L’esercizio fisico riduce dunque del 30-50% il rischio di infarto.

Studio #5

In un recente studio di ricercatori, hanno diviso un gruppo di persone molto pigre e hanno chiesto la metà di loro di camminare intorno al divano durante la pausa pubblicitaria. Questi ultimi hanno bruciato 65 calorie in più all’ora, cioè 260 calorie in quattro ore, rimettendosi al passo con le linee guida del governo nel giro di una settimana.

Studio #6

Secondo l’autorevole rivista The Lancet, nel numero di luglio del 2012, i dati pubblicati confermano l’ipotesi che nessun rimedio, a parte non fumare, fa bene alla salute quanto l’attività fisica. Secondo lo studio, la sedentarietà uccide cinque milioni di persone all’anno in tutto il mondo, quante ne uccide il fumo.

Cosa possiamo fare?

A questo punto, il problema non è più quello di dimostrare l’utilità ed efficacia terapeutica dell’attività fisica.

Il problema si sposta su un altro livello, quello dell’atteggiamento mentale e del significato che le persone attribuiscono alla loro vita.
Fino a che si continuerà a trascurare l’importanza di un sano e naturale rapporto con le esigenze del nostro corpo, tutte le evidenze scientifiche serviranno a poco, e le persone continueranno a cercare cure miracolose e pillole magiche.

Di solito la scusa più comune che troviamo per giustificarci di non svolgere attività fisica è il poco tempo a disposizione.

Durante questa domiciliazione forzata, purtroppo non possiamo praticare sport all’aperto o godere di una semplice passeggiata, ma esistono molti modi alternativi per fare esercizi in casa.

Per vostra comodità, trovate sotto un’infografica con alcuni esercizi di esempio che si possono fare a casa o in ufficio con una sedia. Serve solo buona volontà e una manciata di minuti al giorno.

La cura di tutte le malattie.

Leggi anche Il significato della ricerca della felicità.

Share & Enjoy