L’umorismo

umorismo
Tempo stimato di lettura: 2 minuti

Che cos’è l’umorismo

L’umorismo è una capacità della mente tipicamente umana perché implica quella di rappresentare sotto forma di pensiero laterale il lato comico della realtà. Solo gli esseri umani hanno la capacità di dare alla realtà che li circonda un’interpretazione differente a seconda del contesto culturale e quindi del confronto tra differenti modi di leggere i fenomeni in cui si imbattono.

Tutto ciò che giova alla parte più elevata e nobile della nostra coscienza produce ripercussioni positive su tutte le componenti umane.

Saper cogliere aspetti della realtà che normalmente sfuggono induce a un moto di gioia, cioè all’emersione di una emozione primaria a cui segue a un’altra attivazione emotiva che è quella della sorpresa.

Non esiste umorismo o comicità senza sorpresa e la sorpresa è quell’emozione che rimanda a una reazione psicobiologica di difesa nei confronti di ciò che è inaspettato, e quindi potenzialmente minaccioso.

Se a seguito della reazione di sorpresa si accerta che ciò che ci ha allertati non è pericoloso, ma soltanto insolito, nuovo e inatteso, la nostra attivazione emozionale, anziché dirigersi verso la paura e la fuga, si muove nella direzione del sollievo per lo scampato pericolo, con conseguente produzione di endorfine e la sensazione di benessere che tutti conosciamo.

Aristotele definiva il ridicolo come “ciò che è fuori tempo e fuori luogo, senza pericolo

L’umorismo, quindi, è una capacità legata alle funzioni cognitive di ordine superiore, per cui si può affermare che la spontanea o costruita padronanza di esso è prerogativa di persone di livello cognitivamente superiore alla media. Riuscire a interpretare un medesimo evento sotto punti di vista differenti implica, infatti, un’apertura mentale e una sicurezza di sé che consentono di andare al di là di quella che sarebbe l’immediata e istintiva interpretazione del fenomeno legata all’attivazione della nostra sfera irrazionale.

Pregi di chi possiede l’umorismo

Solo chi ha una sufficiente conoscenza di sé e del mondo, unita ad autostima e fiducia nelle proprie capacità, può permettersi di cogliere gli altri significati che uno stesso fenomeno può presentare, senza timore di sbagliare per non essersi uniformato a quella che sarebbe la reazione “normale” all’evento.

Mettere sempre in dubbio tutto, specialmente ciò che ci fa comodo credere, accettare sempre di prendere in considerazione il punto di vista che non ci piace, andare alla ricerca sempre di nuovi stimoli, è il presupposto “umoristico” per condurre una vita piena e intensa, ricca di stimoli costruttivi.

Suggerimenti

Cercare di ridere tutti i giorni, di sdrammatizzare, di collocarsi alla periferia dell’universo, anziché nel suo centro, è un’attività e un’abitudine sicuramente benefica anche dal punto di vista strettamente fisiologico perché il nostro organismo ha bisogno di periodici scarichi di tensione e di una fiducia consapevole per affrontare le sfide che la vita ci pone.

Ricavarsi un piccolo spazio quotidiano per ridere o comunque per coltivare l’umorismo nelle sue infinite sfaccettature è di fondamentale importanza.


Se hai trovato interessante questo articolo e vuoi rimanere aggiornato, iscriviti alla newsletter del blog e seguimi sulla pagina Facebook. Grazie.

Share & Enjoy